PER LA PACE, RIFLESSIONI E DOMANDE DA FARE A CHI LA PACE LA DECIDE. CI ASCOLTERANNO? L’UNIONE FA LA FORZA!

L’incontro delle Giunte dei CCRR  del Veneto Orientale quest’anno si è tenuto presso il Centro Sociale Polivalente di Cavallino Treporti, un luogo d’incontro di tipo ricreativo e culturale molto accogliente e ospitale.

Erano presenti i rappresentanti delle Giunte dei CCRR di Cavallino-Treporti, Eraclea, Fossalta di Piave, Meolo, Noventa di Piave, Jesolo; i rappresentanti di altri CCRR invitati erano assenti perché in fase di rinnovo. Con loro, docenti e referenti, l’assistente sociale di Eraclea dr.ssa Stefania Bardellotto.

Dopo un tempo dedicato alla conoscenza, il focus è stato sugli obiettivi 2030, quest’anno “Pace e Giustizia e Istituzioni forti” e “Partnership per gli Obiettivi”. L’input è stato offerto da alcuni video per i quali ragazze e ragazzi dovevano trovare le parole chiave della narrazione.

Un esempio? Guardate e provate anche voi!

La premessa ai lavori: “Qui siete voi l’Obiettivo 17: lo siete al primo step – collaborazione tra Giunte dei CCRR del Veneto Orientale; sarete al secondo step quando porterete i vostri punti di riflessione e le vostre domande sulla Pace e Istituzioni forti alla Consulta Regionale dei CCRR; e vi troverete al terzo step quando, in un momento di condivisione con i rappresentanti dei CCRR d’Italia, farete rimbalzare le vostre proposte sui tavoli dei grandi…su uno di quei tavoli dove si tratta la Pace senza mai dare ascolto alla voce dei più piccoli che hanno poche cose da dire – concise – ma molto da in-segnare!

Il saluto finale è stato all’insegna dei sorrisi e dello scambio di indirizzi, con un arrivederci al sapore di mare: prossimo appuntamento, a Jesolo!

A breve, il resoconto delle attività!

Stefano rappresenta la provincia di Venezia alla Celebrazione del 35° anniversario del primo CCR in Italia.

35 ragazzi sindaci con la fascia tricolore, provenienti da 7 regioni (Marche, Emilia-Romagna, Piemonte, Veneto, Campania, Puglia e Sicilia) , si sono incontrati nei giorni 8 e 9 maggio a Morrovalle, un piccolo comune delle Marche, in provincia di Macerata, per celebrare il 35° anniversario del primo Consiglio Comunale dei Ragazzi in Italia.

A rappresentare il Veneto, 7 comuni delle province di Padova, Treviso, Vicenza, Verona e Venezia. Quest’ultima era rappresentata da Stefano Scazzariello dell’istituto Comprensivo “De Amicis” di Eraclea, sindaco del CCRR, che, accompagnato dalla famiglia, ha partecipato a una significativa esperienza di celebrazione e condivisione.

Oltre alle delegazioni italiane, presente anche una delegazione francese della città di  Schiltgheim (Alsazia), dove, nel 1979, si sperimentò a livello europeo  il format del Consiglio Comunale dei Ragazzi. In rappresentanza, a raccontare come funziona da 45 anni il loro Consiglio Comunale, sono intervenuti la consigliera comunale Matiè Elia e Aurelien Nicoletti referente del progetto.

Due giornate importanti per Stefano e i suoi colleghi, durante le quali hanno potuto conoscere Sindaci e Consiglieri di tutta Italia, oltre che la storia del Consiglio Comunale dei Ragazzi, nato in Italia 35 anni fa proprio a Morrovalle (MC).
Intenso il programma: nella prima giornata, dopo l’accoglienza delle delegazioni e i saluti istituzionali, i ragazzi sindaci si sono raccontati, in un momento di socializzazione dei progetti, delle iniziative e delle attività realizzate nelle 35 scuole e nei comuni di provenienza, attraverso il confronto reciproco e la riflessione sulle esperienze di partecipazione attiva.

Molte le autorità presenti al convegno del 9 maggio, intitolato “Educazione alla cittadinanza italiana ed europea”, tra cui l’arcivescovo di Fermo, Rocco Pennacchio, il consigliere regionale Pierpaolo Borroni, la delegata dell’Ufficio Scolastico regionale Maria Teresa Baglione, il sindaco di Morrovalle, Andrea Staffolani e la dirigente scolastica, Arianna Simonetti. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, il Presidente della Camera dei Deputati Lorenzo Fontana e il sottosegretario all’istruzione Paola Frassineti hanno inviato il loro messaggio di saluto. Durante i lavori sono intervenuti il prof. Nazzareno Navisse, che ha raccontato l’avvio del progetto a Morrovalle, e il preside Giuseppe Adernò, coordinatore dei CCR in Italia, che ne ha descritto le finalità, gli obiettivi e gli sviluppi per una sana e coinvolgente lezione di educazione civica, applicata attraverso un “imparare facendo”.

La coincidenza della data con la Giornata Europea ha condotto la riflessione sul pensiero di Vincenzo Cento, pedagogista marchigiano, ideatore degli “Stati Uniti d’Europa”, illustrato dalla prof. Simonetta Torresi, e sulla dimensione europea dell’educazione, assieme al prof. Gianluca Contaldi dell’Università di Macerata.

Sono stati inoltre ricordati anche i ragazzi sindaci: Alessandro Giani, vittima di un atto di bullismo e Giulio Regeni, ucciso in Egitto il 25 gennaio del 2016, che nel triennio 2001-2003 è stato sindaco dei ragazzi di Fiumicello.

Al termine della giornata, i ragazzi sindaci con fascia tricolore hanno rinnovato il loro giuramento.

Al Raduno nazionale, organizzato dal professor Giuseppe Adernò, preside coordinatore dei Consigli Comunali dei Ragazzi, in collaborazione con la professoressa  Arianna Simonetti, Dirigente Scolastica  dell’ Istituto Comprensivo “via Piave” di Morrovalle , sono stati concessi i patrocini del Senato della Repubblica, della Camera dei Deputati, della Provincia Regionale di Macerata e del Comune di Morrovalle. Hanno inviato messaggi il Presidente della Repubblica e il Ministro dell’Istruzione e del Merito.

Un‘esperienza in cui Stefano, reduce dall’incontro del 75° anniversario della Costituzione Italiana, svoltosi nell’aula di Montecitorio a Roma lo scorso settembre, ha creduto sin dall’inizio con entusiasmo ed energia, e dalla quale sicuramente ha portato a casa nuove conoscenze e possibili progettualità da realizzare durante il mandato nel CCRR di Eraclea.

30 Maggio 2024: in Aula di Montecitorio a ricordare Giacomo Matteotti

“La partecipazione dagli scranni dell’Aula di Montecitorio alla solenne cerimonia commemorativa del centenario dell’ultimo discorso di Giacomo Matteotti alla Camera dei Deputati, (30 maggio 1924), prima della tragica e violenta uccisione, ci responsabilizza nel far tesoro degli insegnamenti ricevuti”.

Accogliere, far tesoro, responsabilizzarsi: sono l’invito espresso dal Preside coordinatore dei CCR Giuseppe Adernò, nella lettera di ringraziamento ai ragazzi che hanno partecipato a una autentica lezione di democrazia.

Presente alla cerimonia a Roma anche il sindaco del CCRR di Eraclea, Stefano Scazzariello.

Di seguito, i link ai testi che documentano l’evento: la lettera e il comunicato.

Nell’immagine, Giacomo Matteotti

Ringraziamo il prof. Adernò per il suo prezioso impegno a tenere in rete i CCRR coinvolgendoli in eventi di grande rilievo formativo, con il valore aggiunto di essere esperienze condivise tra realtà distanti ma unite da obiettivi comuni di partecipazione attiva.