Festa 25 Aprile 2022



RI-COR-DARE ridare al cuore quel che è stato: saper apprezzare il valore della libertà.
A metà aprile del 1945, i partigiani proclamarono l’insurrezione generale e cominciarono una serie di attacchi per liberare le maggiori città italiane. “I combattimenti proseguirono fino all’inizio di maggio ma, fin dal 1946, la festa della Liberazione si celebra il 25 aprile, cioè il giorno in cui le città di Milano e Torino furono liberate dall’occupazione straniera.
 
A introdurre la ricorrenza fu il decreto il 22 aprile del 1946” (per saperne di più, qui l’articolo di Focus Junior). Da allora, ogni anno ci si ritrova a celebrare e a riflettere sulla libertà da apprezzare, custodire e tramandare.

Il CCRR di Eraclea, parteciperà alla cerimonia.

Partecipare attivamente alla Festa della Liberazione

In preparazione a questa importante festa per il nostro Paese, la Giunta del CCRR si è incontrata il giorno 15 aprile, andando a riflettere sui valori che questo giorno ricorda a tutte le italiane e a tutti gli italiani.

Il 25 aprile è infatti la festa della Liberazione. La Giunta si è chiesta…liberazione da che cosa? Perché si fa festa?

“Perché questo è il giorno in cui i soldati nazisti e fascisti si ritirarono da Torino e Milano, anche se la guerra continuò ancora per un po’…” (da Focus Junior)

I membri della Giunta prima hanno condiviso storie toccanti, apprese in famiglia, con protagonisti nonni, bisnonni, prozii che hanno vissuto gli anni terribili della Seconda Guerra Mondiale, storie di chi è sopravvissuto ai campi di prigionia dopo essere stato catturato in paesi stranieri, riuscendo a far ritorno a casa.

Il compito che si sono dati sindaca, vicesindaco, assessore  e assessori è stato quello di dare un significato alla parola LIBERTÀ conquistata quel 25 aprile, declinandola nel tempo e nella situazione in cui viviamo.

Le parole chiave, scritte in un cartellone, sono state commentate e legate tra loro, acquisendo ognuna un valore “aumentato” proprio da quei collegamenti che altro non sono che le azioni che si devono fare affinché i valori diventino stile di vita.

Tra le parole spicca un “PERCHÉ”: perchè da tanta devastazione, odio e morte provocati dalle guerre del passato, dalle logiche di invasione, di sottomissione di popoli privandoli della libertà, si possa ancor oggi vedere quel che sta accadendo in Europa, con un’Ucraina invasa e martoriata.

Infine, ogni membro della Giunta ha scritto alcune riflessioni personali che sono andate a comporre i pensieri da offrire alla cittadinanza il 25 Aprile in piazza a Eraclea.

GIORNATA MONDIALE DELLA TERRA 2022

“L’evento viene celebrato ogni 22 aprile dalle Nazioni Unite e dalle tante organizzazioni schieratesi in difesa dell’ambiente. L’obiettivo dichiarato dell’Earth Day è infatti quello di coinvolgere sempre più nazioni e “fette” della società civile nella tutela dell’equilibrio naturale, prendendosi cura delle foreste, evitando lo spreco di risorse, supportando l’adozione di fonti energetiche più green, combattendo il riscaldamento globale e adottando stili di vita sostenibili.

La prima Giornata della Terra in assoluta si è tenuta il 22 aprile del 1970, quando circa 20 milioni di cittadini statunitensi risposero all’appello del senatore democratico Gaylord Nelson scendendo in piazza a manifestare per la salvezza del pianeta. Noi ora siamo abituati a questo genere di cose grazie a iniziative come i Fridays for Future di Greta Thunberg, ma allora una simile partecipazione per la causa ambientale fu un evento straordinario”.

[…]

Il tema della Giornata della Terra 2022

Quest’anno il tema del 52esimo World Earth Day è Invest in our Planet (“Investi nel nostro pianeta”), ossia la necessità ad impegnarsi tutti insieme per plasmare una nuova società più equa, sostenibile e in grado di affrontare le sfide del futuro affidandosi sempre di più a tecnologie e messi di produzione green.[…]” CONTINUA LA LETTURA SU FOCUS JUNIOR

E ORA GUARDATE QUESTI DUE VIDEO SU YouTube