1° Gennaio: Giornata Mondiale della Pace

Goal_16Iniziare l’anno nuovo dedicandolo alla riflessione sulla Pace è l’augurio più bello.

La pace si co-costruisce a partire dalle parole-valore: rispetto, reciprocità, solidarietà, condivisione, coesione, comprensione, resilienza, opportunità. Da queste parole si costruisce la comunità del rispetto, delle parole delicate, dell’attenzione all’altro, dell’apprezzamento, della diffusione del buono e del bello.

L’immagine, tratta dal Corriere della Sera​, con la word art sulle parole del Presidente Mattarella nel discorso di fine anno agli Italiani: al centro, il valore del dialogo come opportunità di incontro con l’altro.

La sicurezza si garantisce con il rispetto reciproco.

Proposito per il 2019:

Buone relazioni di rispetto e stima reciproca a tutt*

wordcloud_italia

20 dicembre: Giornata internazionale della solidarietà umana

Oggi si celebra la Giornata internazionale della solidarietà umana, istituita dalle Nazioni Unite nel 2005. La data coincide con la creazione del Fondo di solidarietà mondiale, avvenuta il 20 dicembre 2002. L’obiettivo del fondo, entrato in vigore nel febbraio 2003, è quello di eliminare la povertà e promuovere lo sviluppo umano e sociale nei paesi in via di sviluppo, in particolare tra le fasce più povere della popolazione.

A quale Goal 2030 possiamo collegarci?

SDG-icon-IT-RGB-01SDG-icon-IT-RGB-10

L’importanza della solidarietà umana

La solidarietà, identificata come uno dei valori fondamentali e universali, dovrebbe essere la base nella ricerca di soluzioni globali e può svolgere un ruolo sempre più importante per risolvere i problemi del mondo. La solidarietà è protagonista della cosiddetta Dichiarazione del Millennio, sottoscritta dai leader mondiali per contrastare le ingiustizie di carattere economico, sociale, culturale o umanitario. La dichiarazione elegge tale valore a pilastro delle relazioni internazionali del ventunesimo secolo. La Giornata internazionale della solidarietà umana serve appunto per ricordarci l’importanza.

MESSAGGIO: La solidarietà può e deve partire da ognuno di noi, dimostrandoci solidali con i poveri, i malati e gli anziani, le vittime di abusi e di discriminazione possiamo costruire un mondo migliore” (L. Brenna).

Uno spot che narra la solidarietà come mezzo per risolvere problemi.

 Questo povero riccio riuscirà ad abbracciare i suoi amici?

Gli spot riescono a raccontare in modo creativo messaggi piuttosto complicati da spiegare, sia ai bambini che agli adulti.
Believe in Christmas, lo spot del gruppo bancario austriaco Erste Bank und Sparkasse, spiega come non sia sempre facile credere in se stessi ma che, con l’aiuto dei propri amici, ogni problema è superabile.
Il protagonista del video è un povero riccio costantemente costretto a rimanere da solo perché punge tutto quello che lo circonda. Per Natale riceverà un regalo molto particolare dai suoi compagni di classe, scoprite di cosa si tratta.

 E ora una riflessione critica. Perché una banca fa uno spot sulla solidarietà?

L’empatia è utilizzata da  aziende, da banche, da giornali per vendere. Come? Raccontando storie che fanno immedesimare, fanno commuovere, portano alla luce i valori più preziosi per la nostra umanità e ci fanno sentire bene. Lo scopo è creare un’immagine positiva dell’azienda, che fa propri i valori.

Per chi FRUISCE, occorre dunque sapere che da una parte c’è lo scopo commerciale, dall’altra c’è comunque la possibilità di “TRARRE FRUTTO” riflettendo su valori reali.

GRAZIE ALLA MAESTRA LAURA GRANZOTTO PER AVERCI SEGNALATO QUESTO VIDEO.

Pace – Giustizia – Ascolto – Rispetto – Libertà – Concordia

4 novUn Centenario che “celebra la  Vittoria e la conclusione di quella guerra, che sancì il pieno compimento del sogno risorgimentale dell’unità d’Italia, con l’arrivo, a Trieste, dell’Audace e della Grecale della nostra Marina e con l’ingresso dell’Esercito a Trento”.

(Presidente della Repubblica Sergio Mattarella)

Nel titolo, le parole chiave di questa Celebrazione regalate da Don Angelo nell’Omelia: Goal_16

Pace – Giustizia – Ascolto – Rispetto – Libertà- Concordia.

Di seguito, il discorso del Sindaco del CCRR, Matteo Scomparin , elaborato assieme alla vice sindaca Rebecca Ongaro:

Buongiorno a tutti,papaveri rossi

Oggi, 4 novembre 2018, è un giorno speciale: celebriamo il Centenario della conclusione della Prima Guerra mondiale, detta anche Grande Guerra. È la giornata dell’unità nazionale e delle Forze armate.
In questa occasione anche noi bambini e ragazzi ricordiamo i soldati deceduti di tutte le guerre, facciamo sentire il nostro GRAZIE a tutte le persone che si impegnano a mantenere la sicurezza e la pace.
In alcuni paesi purtroppo c’è ancora la guerra e ci auguriamo che anche loro possano festeggiare la fine delle ostilità! Ma per questo occorre l’impegno di tutti: di chi è coinvolto e di chi può usare la situazione di PACE del proprio paese per diffonderla e aiutare a realizzarla ovunque.
Viva i nostri soldati,
Viva l’Italia
Abbasso la guerra!

“Teniamo” la parola che il sindaco Mirco Mestre ha regalato a noi ragazze e ragazzi: “DOVERE“: pensare che nelle situazioni di emergenza serve l’impegno di tutti; non è bene pensare  di aver diritto a non dare il proprio contributo, pensando che “tanto c’è qualcun altro che fa”…. Vivere in una società dei diritti è un motivo in più per impegnarsi a sentire il dovere che siano garantiti a tutti.

Infine un pensiero alle zone del Veneto, cento anni fa teatro di guerra, cento anni dopo, colpite gravemente dal maltempo. Il NUMERO DI SOLIDARIETÀ per donare due euro per Vento, Friuli Venezia Giulia e Liguria, attivo dalle 00.01 di oggi 4 novembre. IL NUMERO È 45500.

1-cittadinanza e costituzione14 novppt

15 APRILE PROCLAMAZIONE CCRR 2014-2016

MITICO!!!!

Primo CCRR della Città di Eraclea.

Una città che crede nei bambini e nei ragazzi, è una città che crede nel futuro.

Venerdì 15 aprile alle 20.45 in Sala Consiliare Ca’ Manetti a Eraclea, ha avuto luogo la manifestazione di proclamazione del primo Consiglio Comunale delle Ragazze e dei Ragazzi- Città di Eraclea (CCRR) 2014-2016.

Erano presenti i 44 componenti di cui 36 Consiglieri, 6 Assessori, Sindaca e Vicesindaco. Tra il pubblico, molti dei loro compagni di scuola, la base che supporta e vigila il lavoro delle Commissioni del CCRR. La sala era gremita di famiglie, amici, docenti del nostro Istituto, educatori, i rappresentanti delle varie Associazioni Culturali e di Volontariato del territorio, i Consigli di Frazione, il gruppo rappresentante dei Consigli di Quartiere di Brian con i propri volontari: tutti stretti intorno alla realizzazione alla nostra impresa di cittadinanza attiva. I posti davanti, riservati a noi dell’Ufficio Comunicazioni del CCRR.

  L’Assessore Renata Filippi, promotrice del nostro Progetto “Ti ‘Consiglio’ di partecipare!”  ha fatto da moderatrice. Noi ragazze e ragazzi la vogliamo ringraziare per l’opportunità che ci ha offerto.

Ed ecco la Giunta e i Consiglieri:

discorso_sindaca_web

Sindaca: Alessandra Ferro

Vicesindaco: Alessio Giachetto

Assessori commissioni medie: Beatrice Teso, Marco Lucchetta
Assessori commissioni elementari: Mariazoe Fanton, Alessia Scapolan, Lucas Pizzo, Giosuè Cadamuro.

Consiglieri commissioni medie: Erica Bosi, Simona Minervini, Giorgia Trevisiol,   Beatrice Conte, Darko Dolic, Filippo Zoccoletto, Nicolas   Fiorindo, Matteo Camillo, Alessandro Maria Franzo, Jacopo Paludetto, Giorgio Bragato, Cella Mirko.

Consiglieri commissioni elementari: Tommaso Tebaldini, Sara Trevisiol, Irene Fanton, Vadim Duia, Luciano Sant, Leonardo Bergamo, Giulia Gubana, Nicolò Pasqual, Sebastiano Manzato, Edoardo Ongaro, Samuele Giacchetto, Rachele Biondi, Tommaso Nespolo, Pietro Menardi  , Edoardo Trevisan,  Daniele Geretto, Ludovica Teso, Anna Burato  , Aurora Teso , Riccardo Trevisiol, Vittoria Bragato, Giovanni Dalla Bona, Chiara Bardellotto,  Morgana Lucchetta.

Gruppo Ufficio Comunicazioni medie: Berto Giorgia, Perissinotto Ajara, Franzin Irene , Montagner Arianna, Milan Rebecca, Pelizzaro Irene, Cappello Giorgio,  Teso Elisa,  Koca Bleona, Giust Ilaria, Franzo Stella , Bagolin Andrea, Ferro Chiara, Tronco Elena Pia, Finotto Alessandro, Teso Greta, Busato Alessandro, Franzo Andrea, Ronchi Jessica, Kaur Jasrin  , Volchiuschia Anastasia,  Poles Aurora.

Al momento della proclamazione tutti i Consiglieri e i ragazzi dell’Ufficio Comunicazioni hanno ricevuto da parte del Sindaco l’attestato con i principi della Carta  dei Diritti dei Bambini.  Anche noi  Ragazzi dell’Ufficio Comunicazioni ci siamo presentati alla comunità.

Poi è stata la volta della Giunta del CCRR. Il Sindaco ha proclamato Sindaca Alessandra Ferro.

Il Vicesindaco, Alessio Giacchetto, è stato proclamato dal suo corrispondente Vicesindaco di Eraclea Italo Trevisiol. Di seguito, i 6  Assessori, proclamati dai corrispondenti della Giunta degli Assessori adulti: per la Commissione Sport Beatrice Teso è stata proclamata da Riccardo Rizzetto; Tempo Libero:  Marco Lucchetta,  proclamato da Stefano Boso; Sicurezza Stradale: Alessia Scapolan da Giuliano Battistel; Ambiente e Animali: Giosué Cadamuro, da Stefano Stefanetto; Scuola: Mariazoe Fanton, da Renata Filippi;  Volontariato e Opportunità: Lucas Pizzo, da Silvia Veronese. A tutti è stata donata una copia  della  Costituzione Italiana.

C’era emozione e determinazione nei loro primi discorsi di presentazione davanti alla comunità.

Il Sindaco Giorgio Talon ha concluso la cerimonia con la lettura della frase  scritta e dedicata ai ragazzi e alle ragazze del CCRR,  che riporta le parole di uno dei Padri Costituenti, Giorgio La Pira: «(…) Non si dica quella solita frase poco seria: la politica è una cosa ‘brutta’! No: l’impegno politico -cioè l’impegno diretto alla costruzione cristianamente ispirata della società in tutti i suoi ordinamenti a cominciare dall’economico- è un impegno di umanità e di santità: è un impegno che deve potere convogliare verso di sé gli sforzi di una vita tutta tessuta di preghiera, di meditazione, di prudenza, di fortezza, di giustizia e di carità.»